s'authentifier
version française rss feed
HAL : tel-00003739, version 1

Fiche détaillée  Récupérer au format
Università degli studi di Salerno (14/03/2001), Scarpetta Gaetano (Dir.)
Gravitational microlensing for the detection of MACHOs towards M31: data analysis with the AGAPE method
Calchi Novati Sebastiano1
(14/03/2001)

Questo lavoro di tesi è dedicato al problema della ricerca e
della caratterizzazione della \emph(materia oscura). A livello
osservativo, su diverse scale, da quelle galattiche (in
particolare nella Via Lattea) fino all'intero universo, esiste
disaccordo tra le stime \emph(dinamiche) della massa di oggetti
astrofisici (come galassie o ammassi di galassie) rispetto alla
stima della loro massa \emph(luminosa). Si tratta, in un certo
modo, di un problema di massa \emph(mancante). Si rende così
necessaria, nell'ambito del quadro teorico del modello
cosmologico standard, l'introduzione di una componente di materia
``oscura'', nel senso che non emette radiazione elettromagnetica,
la cui presenza può essere rilevata attraverso effetti
gravitazionali. Nonostante la convergenza di prove osservative ed
esigenze teoriche a sostegno dell'ipotesi della sua esistenza, un
interrogativo a cui non è ancora stata data una risposta
basata su solide evidenze sperimentali è quello della stessa
natura di tale componente di massa.

Affrontiamo in particolare il problema della materia oscura negli
aloni galattici, dove le evidenze osservative (curve di rotazione)
risultano più stringenti. Per questo analizziamo un insieme
originale di dati sperimentali (i dati ``MDM'', frutto di una
apposita campagna osservativa tuttora in corso di svolgimento
presso l'osservatorio Michigan-Dartmouth-MIT, USA) acquisiti per
lo studio della componente oscura sotto forma di oggetti massivi
compatti (MACHOs, \emph(Massive Astrophysical Compact Halo
Objects)) nell'alone della Galassia (la nostra Via Lattea) e
della galassia vicina di Andromeda, M31 (ovvero NGC224). Questa
ricerca si basa su di un effetto di natura gravitazionale, il
\emph(microlensing), ovvero la deflessione della luce generata da
un oggetto oscuro massivo in moto che attraversa la linea di vista
tra l'osservatore e una sorgente luminosa che si manifesta con un
incremento della luminosità della sorgente. Dallo studio di
queste variazioni di luminosità nel tempo è possibile
risalire, per via indiretta, alla distribuzione della materia
sotto forma di MACHOs nell'alone. L'analisi è stata condotta
con la tecnica detta del \emph(pixel lensing) (proposta e
implementata dalla collaborazione AGAPE, \emph(Andromeda Galaxy
Amplified Pixel Experiment)), che permette il rilevamento di
variazioni di luminosità di stelle \emph(non) risolte (in
particolare questo consente di considerare le possibili sorgenti
in una galassia distante come M31).

Nel capitolo 1, introdotti gli elementi del modello cosmologico
standard e quindi il problema della materia oscura
nell'appropriato contesto cosmologico e astrofisico, delineamo i
principi del \emph(microlensing) gravitazionale e il metodo del
\emph(pixel lensing). Nel capitolo 2 descriviamo l'apparato
sperimentale e l'acquisizione dei dati (a cui chi scrive ha avuto
modo di partecipare direttamente). Quindi analizziamo in
dettaglio il trattamento preliminare delle immagini necessario
per rendere significativo il successivo studio dei segnali
astrofisici interessanti. In particolare vengono discussi alcuni
aspetti quali la composizione di più immagini e le operazioni
di ``normalizzazione'' del flusso. Nel capitolo 3 affrontiamo le
tematiche connesse all'analisi del segnale rispetto al problema
della selezione di eventi di \emph(microlensing). Il ``rumore''
di fondo che ne contamina la ricerca è costituito da sorgenti
intrensicamente variabili. Per questo consideriamo in dettaglio
il modo di sfruttare la caratteristica \emph(acromaticità)
del segnale che ci interessa. Basandoci su di una opportuna
simulazione consideriamo inoltre il problema dell'efficacia dei
criteri di selezione adottati. Discutiamo infine i risultati
delle simulazioni Monte Carlo dell'esperienza. Vengono quindi
approfonditi, nel capitolo 4, diversi aspetti legati all'analisi
effettuata. Rivolgiamo particolare attenzione allo studio degli
effetti cromatici delle variazioni di luminosità rilevate e
discutiamo in questa prospettiva segnali di sorgenti variabili e
in particolare alcuni attribuibili a delle \emph(novæ).
Esponiamo quindi un primo risultato dell'analisi, lo studio del
prolungamento sui nostri dati di candidati eventi
\emph(microlensing) rilevati da altre collaborazioni. Infine
discutiamo i risultati della selezione, 5 \emph(curve di luce)
(la variazione di flusso nel tempo in un elemento
dell'im\-ma\-gi\-ne) compatibili con un segnale di
\emph(microlensing), e, alla luce delle simulazioni Monte Carlo,
le conclusioni fisiche riguardo al problema posto.

La nostra analisi tende a confermare (in accordo con i risultati
di analoghe esperienze svolte nell'ambito della Galassia) che solo
una piccola frazione degli aloni galattici è costituita da
MACHOs, e in particolare a escludere come componente importante
quella di oggetti di massa substellare.
1 :  PCC - Physique Corpusculaire et Cosmologie - Collège de France
Planète et Univers/Astrophysique

Physique/Astrophysique/Cosmologie et astrophysique extra-galactique
dark matter – microlensing – galactic haloes – M31
Liste des fichiers attachés à ce document : 
PS
tel-00003739.ps(27.9 MB)
PDF
tel-00003739.pdf(14.8 MB)